RSS

Tutt’altro che la verità… lo giuro!

04 Ott

Quante volte capita di sentire frasi del tipo: “Ah, io preferisco che mi si dica sempre la verità!”, oppure “Io sono spietatamente sincera/o”, o ancora “Non sopporto che mi si dicano delle bugie”?

La maggior parte delle volte che ascolto uscite del genere, assumo l’espressione tipica di chi vorrebbe commentare qualcosa di sarcastico e inappropriato, ma che lascia perdere ritenendo che sia tutto fiato sprecato. Tuttavia, questa non è la maggior parte delle volte. E allora scrivo!

Tralasciando il discorso riguardo a cosa sia la Verità, sulle implicazioni profonde di tale interrogativo e sui conseguenti dibattiti filosofici che ne scaturirebbero, io sostengo tranquillamente che NESSUNO, e dico NESSUNO, è veramente sincero, né con se stesso, né con gli altri. Abbiamo bisogno della menzogna, perché le bugie sono il fondamento sul quale si basa tutta la nostra civiltà. Punto. Senza se e senza ma. Concludo, quindi, che:

1) Chi sostiene di essere sempre sincero, mente e ne è consapevole.

2) Chi afferma di volersi sentir dire sempre e solo la verità, è un povero idiota.

Nel primo caso, nessun essere umano che io abbia conosciuto ha potuto sostenere a fatti di essere il prescelto portatore della verità illuminata. Siamo tutti bravi a convincere il prossimo a parole di essere perfetti, ma è nelle azioni che si scoprono non poche magagne. E non prendiamoci in giro: una mezza verità è una menzogna, un giro di parole per addolcire la pillola è una menzogna, il tralasciare di dire questo o quell’argomento per comodità è una menzogna, evitare di rispondere a certe domande imbarazzanti focalizzando l’attenzione su elementi collaterali è una menzogna. Abbiamo affinato così tanto il campo delle bugie che ormai se ne perde il conto. E badate! È tutto socialmente accettato e ben strutturato. In gergo si chiamano: “buone maniere”, “educazione”, “gentilezza”, e tutta una serie di appellativi che fanno sembrare la menzogna necessaria e indispensabile ad un corretto vivere quotidiano. Io stesso, che mi sono sempre professato un tipo sincero, nel corso di una giornata media, stando al precedente discorso, “mento” almeno una decina di volte. Dieci volte al giorno! Dov’è finita la mia sincerità?

È vero: ci sono rarissimi esempi di persone che hanno sempre detto la pura e immacolata verità. Il problema è che quelle persone non hanno avuto molte occasioni per vantarsi di tale pregio. Infatti, il dire sempre e solo la verità in faccia alla gente si trascina con sé una spiacevole conseguenza: quella di farti letteralmente il vuoto attorno. Delle persone sincere si dice spesso che abbiano un gran brutto carattere, che siano cinici e maleducati, che siano in genere dei disadattati intrattabili. Perché la sincerità è una caratteristica considerata antisociale per eccellenza.

E qui si giunge al secondo punto in questione. In un mondo di forma, pochi badano veramente alla sostanza. Quindi, nessuno è pronto a sentirsi dire bellamente la verità (tranne casi così rari da essere sottoposti ad analisi e studi approfonditi in qualche Università del nord Europa!). La verità, se non è infiocchettata e ben impacchettata, è dura da digerire. Ci mette davanti ai nostri limiti, alla nostra coscienza; nel migliore dei casi punta il riflettore su un lato debole, su una pecca che tentiamo in ogni modo di nascondere. Ecco il prezioso servigio reso dalle bugie! Le bugie modellano la realtà a nostro uso e consumo, ci rendono migliori di ciò che siamo, diversi e magari più interessanti. Ci tolgono dalle situazioni incresciose che farebbero risaltare la nostra meschinità, tengono in piedi relazioni sociali che altrimenti sarebbero compromesse. Inoltre, ti aiutano a fare carriera, e sono essenziali se desideri qualcosa in cambio!

Ho diffidato da sempre di chi si vanta di dire soltanto la verità. Solitamente, una volta conosciuta, ti rendi conto che si tratta di una persona che s’è costruita la SUA verità, il suo personale modo di vedere le cose e, in base ad una propria scala di valori, giudica e critica. In altri casi, è soltanto l’ennesima bugia di mentitori incalliti senza rimorsi.

Ah, dimenticavo! C’è anche una terza tipologia di persone in cui mi capita spesso di imbattermi: quelli che sostengono di dire bugie quando la posta in gioco è bassa, ma di diventare improvvisamente sinceri quando si affrontano argomenti importanti. Adoro la sordida ambiguità di quest’affermazione! Poiché l’importanza o meno di un argomento è totalmente soggettiva. Per me può non essere affatto importante dire alla mia ragazza che l’ho tradita tante di quelle volte che a stento passa sotto alle porte, ma è fondamentale essere sincero se parlo di quanto apprezzi la cucina etnica. E guarda caso, funziona sempre in questo modo!

In sostanza, mentire è alla base della convivenza civile; abbiamo creato una società fondata sulle mezogne, ed è impossibile se non controproducente farne a meno. Non dico che sia giusto o sbagliato mentire. Io lo trovo disgustoso, eppure imprescindibile dal mio stato di essere umano. Del resto, mentono i Governi per restare in carica, mente la Chiesa per fare proseliti, mentono le Multinazionali per “piazzare” i loro prodotti. Perché noi singoli individui dovremmo fare eccezione?

Quindi non venitemi a parlare di verità e di sincerità, per piacere.

La Verità è solamente una forma più sofisticata di bugia.

AD MALORA!

 
4 commenti

Pubblicato da su 4 ottobre 2012 in Pensieri.

 

Tag: , , , ,

4 risposte a “Tutt’altro che la verità… lo giuro!

  1. Dani

    4 ottobre 2012 at 12:00

    Aggiungerei che, a volte, la bugia diventa patologica: conosco qualcuno che ha mentito talmente tanto in vita sua, a tutti indiscriminatamente e in qualsiasi situazione, che ora fatica a individuare la realtà nella sua rete di bugie.
    E’ vero, siamo tutti mentitori, allenati a scamparla, specializzati nell’imbroglio.
    Credo dipenda dal fatto che ognuno di noi ha una scala di valori personale, una visione soggettiva della realtà e una capacità più o meno spiccata di utilizzare le situazioni a proprio favore.
    Giusto o sbagliato che sia…..

     
  2. Lucasan

    6 ottobre 2012 at 13:58

    Bello, l’articolo. L’esistenza della menzogna ed il suo uso indiscriminato riflettono- come da te indicato – l’essenza stessa della natura umana: la non-perfezione.
    Il mentire è un vizio strutturale, fa parte del kit assegnato all’essere umano in quanto essere imperfetto, fallace e precario nella sua composizione biologica, in ciò che fa, in ciò che sa (anzi non sa) e in ciò che dice…nulla da meravigliarsi, dunque, anzi sarebbe assurdo il contrario.
    Ciò che piuttosto suscita in me curiosità (e talvolta anche un certo sdegno) è che tra gli intransigenti paladini della verità trovi quasi sempre i più incalliti e disgustosi mentitori. Costoro, più sono bugiardi e più arrogantemente professano la loro indiscutibile sincerità, maggiore è la frequenza con cui fottono gli altri e più si dichiarano irreprensibili, più sporchi e in malafede sono i loro inganni e più duramente aggrediscono e giudicano qualora – magari – siano loro a incassare una piccola e innocua bugia…passano notti intere a creare mille acrobazie mentali per convincere perfino se stessi di ciò che dicono! Infatti hanno sempre l’esaurimento nervoso…sempre meglio che fare autocritica…ovvio.
    Ecco, tutto questo non fa parte del kit…nessuno ha la verità in tasca e tantomeno la dice, ma non per questo occorre trasformarsi in maschere tristi, colpevoli e patetiche .

     
  3. MC

    5 luglio 2014 at 19:16

    Bello il tuo blog! Purtroppo l’ipocrisia fa parte della vita, ammetto di mentire a colleghi di lavoro sorridendo loro quando invece vorrei mandarli a quel paese e a volte agli amici per pigrizia o per evitare di dare troppe spiegazioni, ma mentire nei sentimenti è una cosa che mi manda in bestia, è l’ egoismo peggiore che esiste perché la delusione e la sfiducia che ti lascia richiedono una fatica emotiva enorme per superarle e ricominciare daccapo

     
  4. Valentina Rosaroni

    8 febbraio 2020 at 07:13

    Non e` una buona ragione per non essere sinceri nel senso che tutti sappiamo essere quello reale né per omettere verità importanti (l’omissione e` il peccato più grave della Storia). Quanto a ciò che sia ambiguamente importante, appunto, tutti sappiamo quanto esprimersi con onestà sulla cucina etnica cambi il corso della nostra vita, e/o di quella degli altri E anche sulle vite degli altri abbiamo delle responsabilità. E credere che basti far parte di un mondo bugiardo per avere la coscienza a posto e` solo un altro modo di mentire a se stssi, ma non di migliorare la propria vita e quella altrui. Se poi tentare di rendere migliore la vita sia un dovere o no, questo certo e` un altro topic per un nuovo articolo.

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: